Buon venerdì, prodi seguaci!🍂

Com’è questo inizio di settembre? Qui avrebbe dovuto esserci un mega-temporale, addirittura allerta meteo, ma niente, per ora solo qualche tuono in lontananza… è uscito addirittura il sole! Argh, dov’è finita la giornata pre-autunnale che già pregustavo?

Mai una gioia: infatti, anche ad agosto sono rimasta indietro con la 2018 RHC… Sto finendo adesso La Torre Nera di Stephen King (chissà che la prossima settimana non arrivi la recensione) e non ho ancora recuperato Debito. I primi 5000 anni di David Graeber da luglio… ma la sfida continua con le task di settembre, la tre e la sei!💪

1234T

La task tre prevede di leggere un classico della letteratura di genere e la scelta è ricaduta su Cronache marziane di Ray Bradbury, che tuttx conosciamo per Fahrenheit 451, ma che personalmente ho sentito soprattutto elogiare per questa raccolta di racconti. Sono molto curiosa di iniziare la lettura e sono contenta di leggere dei racconti, visto che non mi capita da un bel po’.

Scritto tra il 1946 e il 1950, Cronache Marziane è il resoconto della colonizzazione di Marte da parte dei terrestri: un racconto ricco di inventiva e di situazioni capaci di scolpirsi nell’immaginazione di generazioni di scrittori e di lettori. Ma è soprattutto il romanzo che segnò una svolta nella letteratura americana di fantascienza. Per la prima volta in queste pagine, infatti, Bradbury riesce genialmente a superare i limiti della narrativa di genere, ritrovando l’universalità simbolica della fiaba. Opera originalissima di uno degli scrittori più innovativi del Novecento, capolavoro della fantascienza “classica”, Cronache Marziane conserva ancora oggi una profondità, un equilibrio e una vitalità straordinarie, che ne fanno uno dei libri più amati della letteratura contemporanea.

1234T

Per la task sei, che prevede di leggere un libro sulla natura, ho scelto Walden ovvero vita nei boschi di Henry David Thoreau, che mi incuriosisce e intimorisce al tempo stesso. Mi incuriosisce perché non mi sembra il solito libro pieno di sproloqui su una natura idealizzata (mi sto illudendo? Se l’avete letto, fatemi sapere nei commenti!😊); mi intimorisce perché l’idea di sorbirmi quattrocento pagine di questo che fa cose nei boschi per sopravvivere non mi pare proprio esaltante. Quindi, boh, vedremo: questo libro sarà una vera e propria sfida!💪

Walden, ovvero La vita nei boschi è il resoconto dell’avventura dell’autore, Henry David Thoreau, che dedicò ben due anni (1845-1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare sé stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire, ma solo l’utile mercantile.

1234T

E voi? Come proseguono le vostre letture o sfide letterarie? Fatemi sapere nei commenti!

Buon fine settimana!💜