Among the moss-covered trees and wrought-iron balustrades of southern Louisiana, Detective Michele Knight (Micky to her friends) takes on the seemingly simple job of shooting a few photos for a client, but the going gets rough as Micky finds herself slugging through thugs and slogging through swamps in an attempt to expose a dangerous drug ring. The trail leads to the Hundred Oaks Plantation, a transvestite named Eddie, a beautiful doctor named Cordelia, and memories Micky thought she had buried twenty years ago.
Hard-hitting prose in the style of Sam Spade and Mike Hammer with a lesbian twist.


2018 RHC, Task 21: Un giallo scritto da una persona di colore o LGBTQ+

Death by the Riverside è un giallo un po’ atipico, principalmente perché non si presenta come tale: inizia con incarico abbastanza semplice per la nostra protagonista, la detective privata Micky Knight, ma serve a noi per conoscere questa ricchissima famiglia, gli Holloway, dai traffici poco puliti. Il romanzo, poi, ci mette parecchio ad arrivare all’indagine vera e propria, che si rivelerà comunque avara di attività investigativa.

Questa lentezza nel portare avanti la trama del giallo, ci permette di fare conoscenza con Micky Knight, una donna con scarsi mezzi finanziari, una gatta di nome Hepplewhite, un’insana passione per lo Scotch e poco incline alle relazioni a lungo termine. Sappiamo che ha un passato tragico (e nel corso del romanzo scopriremo quanto) e una zia bigotta e intollerante che l’hanno resa poco indulgente nei confronti del perbenismo, del razzismo e dell’omofobia.

Quindi nel romanzo non manca un’attenzione speciale alle tematiche queer e femministe: in particolare, queste ultime di sostanziano nel demolire l’ideale dell’uomo etero salvatore della pulzella. In Death by the Riverside non solo Micky è capace di salvarsi da sola, ma il tipico bravo ragazzo alla prova dei fatti si dimostra il personaggio più mediocre del romanzo. Forse anche troppo: oggi probabilmente preferiremmo una critica più sottile, ma è un romanzo del 1990, quindi glielo si perdona volentieri (soprattutto sapendo che gran parte degli uomini cis, allo ed etero ancora si crogiolano nei loro sozzi privilegi).

Probabilmente è un romanzo che farà storcere il naso ai puristi del genere: troppo focalizzato sulle vicende personali della protagonista e delle sue amiche/amanti e poco sugli intrighi e i misteri da risolvere. A me è piaciuto anche per questo e penso che sarebbe ottimo materiale per farne una serie tv (chi di dovere noti questa serie, grazie!).

4 stars smaller

Annunci