Buon venerdì, prodi follower!

La cronologia dei miei ordini mi sta decisamente urlando: «Fai un post sugli ultimi acquisti, non vedi che è passato troppo tempo?». Quindi, eccomi qua, pronta a obbedire: fuoco alle polveri! Vi avverto che a questo giro ci saranno parecchi romanzi che paiono piuttosto bizzarri…

Comunque, partiamo con In cerca di Transwonderland di Noo Saro-Wiwa, edito da 66thand2nd: si tratta di un libro autobiografico sulla riscoperta e la riconciliazione con il proprio paese d’origine, la Nigeria in questo caso.

Di Add Editore ho preso Il gioco della bottiglia. Alcol e adolescenti, quello che non sappiamo di Alessandra di Pietro. Si tratta di un non-fiction che indaga con accuratezza sull’aumento del consumo di alcol da parte degli adolescenti.

Poi ho preso Verrai a trovarmi d’inverno di Cristiana Alicata, che ha una copertina molto carina e delle tematiche (famiglie, dolore, amori, sentimenti) che sembrano trattate con grande delicatezza. È edito da Hacca, una casa editrice che non conoscevo, e mi aspetto grandi cose da questo romanzo.

Sono una fan della ricerca scientifica, ma è bene tenere gli occhi aperti anche in questo ambito: non sempre i ricercatori sono in buona fede. Così mi sono presa Cattivi scienziati di Enrico Bucci, edito da Add Editore.

Forse per bilanciare le buone intenzioni de Il gioco della bottiglia, ho preso La vita sobria: Racconti ubriachi a cura di Graziano Dell’Anna. Si tratta di una raccolta di racconti edita da Neo Edizioni e aveva un titolo troppo promettente per essere ignorata.


Ancora di Add Edizioni ho preso Il maestro dentro. Trent’anni tra i banchi di un carcere minorile di Mario Tagliani perché parla di un’esperienza interessante.

Visto e preso è stato La legge del dolore di Guido Fanelli: edito da Compagnia editoriale Aliberti, racconta della storia della Legge 38/2010 che garantisce il ricorso alle terapie palliative e alla terapia del dolore. Le battaglia su questa tematica, però, non sono finite.

Sul soffitto di Éric Chevillard mi ha colpito per la trama bizzarra. Edito da Del Vecchio Editore, spero sia divertente e irriverente come sembra.

Non pensavate mica che a questo giro non ci fosse nessun UTET? Niente da fare, continua imperterrito il saccheggio nel loro catalogo: ho preso Le molte feritoie della notte: I volti nascosti di Fabrizio De André di Marco Ansaldo.


Ancora Del Vecchio Editore con Il karma del pinolo di Luigi Cecchi: questo aveva un titolo così strambo che doveva essere mio.

Di Cliquot (altra casa editrice che non conoscevo) ho preso La catena spezzata di Vasco Mariotti, un giallo degli anni Trenta del Novecento con ambientazione esoterica e gusto del macabro e del fantastico.

Di Delle donne non si sa niente di Natalia Aspesi non sono tuttora molto convinta, ma Il Saggiatore l’aveva messo a sconto per la festa della donna e l’ho preso.

Manuale del sommelier del tè di Victoria Bisogno e Jane Pettigrew lo stalkeravo da tempo e finalmente è finito nel mio e-reader! 😀 È edito da Biglia Blu e non vedo l’ora di leggerlo.

Un amore ad Auschwitz di Francesca Paci ha un titolo da un romanzetto rosa fuori luogo in tutti i sensi, ma è una storia vera e l’editore è UTET, del quale, qualora non si fosse capito, mi fido molto.

Altro UTET che ho comprato sulla fiducia è Il califfato e l’Europa di Franco Cardini: sono ragionevolmente certa che non si tratti di un qualche delirio dettato dal desiderio di fare soldi, forti dell’ignoranza e delle tragedie.

Mitocondrio mon amour di Enzo Soresi con Pierangelo Garzia è un altro UTET molto promettente: libro di medicina con stile simpatico e divertente.

Ultimo UTET di oggi, La costituzione in trenta lezioni di Gianfranco Pasquino ci spiega questo punto fermo del nostro Paese che, di botta o di rimbalzo, ha un ruolo di prim’ordine nel dibattito politico contemporaneo.

Dio se la caverà di Alan Poloni di Neo Edizioni è un altro libro preso per via della trama, così particolare da convincermi a prenderlo.


Per la trama di Mette Pioggia di Gianni Tetti si “scomodano” Stephen King, Cormac McCarthy e Aldo Nove. Romanzo apocalittico targato Neo Edizioni, vedremo un po’ come butta.

E questo è quanto. Che ve ne pare? Vi ispira qualcosa? Oppure avete già letto qualcosa? Fatemi sapere nei commenti!

Buon fine settimana! 😀

Advertisements