Merry E. Wiesner racconta la vita delle donne europee dalla Spagna alla Scandinavia, dal 1500 al 1750. Il libro fa il punto degli studi sulla condizione femminile nell’Europa di età moderna e si rivolge a studenti di differenti discipline che si avvicinano alla storia secondo una prospettiva di genere.
Il volume, la cui edizione italiana è introdotta da un’autorevole studiosa di genere come Angela Groppi, spiega non i fatti ma il complesso di idee, leggi e pregiudizi che circondavano le donne, il loro ruolo economico, i precetti della medicina (per lunghi secoli il corpo femminile è stato considerato, e dunque curato, come un corpo maschile imperfetto), le scarse possibilità femminili di accedere al sapere e alla cultura, il rapporto con la religione e le arti occulte. Le donne nell’Europa moderna si snoda lungo un accurato percorso, esteso sia dal punto di vista temporale sia da quello geografico, e sceglie una saggia tripartizione nella scansione dei capitoli che rispecchia la divisione tripartita dell’essere umano in corpo, intelletto e spirito. Questo consente un’analisi minuziosa di ogni aspetto della vita fisica, affettiva e spirituale delle donne europee in età moderna e si conclude con una riflessione sul rapporto fra differenza dei sessi e potere.


Leggendo questo libro, tutto ciò a cui riuscivo a pensare era: meno male che sono nata nell’Italia di fine Novecento. Se fossi nata nei secoli presi in considerazione del libro (che analizza la storia dal punto di vista della condizione della donna tra il 1500 e il 1750), sarei stata considerata un essere inferiore che doveva essere naturalmente sottomessa ad un uomo.

Grazie al credito di cui godeva quel simpaticone di Aristotele, si era giunti a una teorizzazione dell’inferiorità psicofisica della donna. Se poi ci aggiungiamo anche il frutto proibito ed Eva… otteniamo una mela più avvelenata di quella che la Strega diede a Biancaneve.

Ma pensate se qualcuno di questi signori tornasse a farsi un giretto dalle nostre parti… Certo, non è che essere donna, anche oggi, sia rose e fiori – e non sto qui a elencarne i motivi più o meno gravi. Ma sapere da dove siamo partiti può aiutarci a cambiare idee e comportamenti che ancora oggi circolano tra di noi (anche tra alcune donne, ahimè!).

4 stars smaller

Annunci