Breve raccolta di racconti dell’autore Ambrose Bierce, cartografo e giornalista durante la guerra di secessione americana e annoverato tra i grandi scrittori dell’horror e del genere weird e fantastico, scomparve misteriosamente durante la battaglia di Ojinaga, l’11 gennaio 1914 in missione come reporter per il Messico dilaniato dalla guerra civile di Pancho Villa ed Emiliano Zapata…


Si tratta di una raccolta di quattro brevissimi racconti targati Ambrose Bierce, perfetti per farsi qualche risata, nonostante si parli di figli che uccidono i genitori.
Com’è nel suo stile, Bierce condisce i suoi racconti di macabro cinismo, invertendo qualunque morale e nondimeno facendoci spanciare dalle risate. Bierce si divertiva così: immaginava qualunque cosa potesse disturbare la morale comune e ci ricamava sopra fino a raggiungere la vetta del cinismo – per poi superarla.
Difficile a credersi, ma vi ritroverete a ridere di padri e madri sadicamente uccisi nei modi più orribili e creativi ai quali Bierce è riuscito a pensare. Senza dimenticare quel pizzico di satira che non guasta mai.

3 stars smaller

Annunci