Il lavoro scarseggia per Stephanie Plum, cacciatrice di taglie di Trenton, New Jersey. Ma in famiglia c’è un problema: lo zio Fred, detto il Tirchio, sembra sparito nel nulla. Unico indizio: problemi con l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti. Non che zia Mabel sia particolarmente addolorata della scomparsa del marito, ma quello che potrebbe sembrare solo un fastidioso disguido amministrativo si trasforma ben presto in una faccenda piuttosto seria, almeno a giudicare dalle foto inquietanti che lo zio Fred nascondeva in un cassetto. Questa volta Steph è spalleggiata da Randy Briggs, nano programmatore di computer, e tallonata da un oscuro angelo custode, Bunchy, sedicente allibratore a caccia, pure lui, di Fred. Persino Joe Morelli, poliziotto e fidanzato storico della nostra eroina, sembra avere qualcosa da nascondere. Fra sparatorie, una serie di strani suicidi e un pugile maniaco che attenta alla sua vita, Stephanie deve affrontare, oltre ai consueti problemi di capelli, di linea e di automobili che non fanno il loro dovere, le spericolate iniziative dell’inossidabile nonna Mazur e le attenzioni sempre più esplicite di Ranger, tenebroso e affascinante collega…


E’ un brutto periodo per la nostra Stephanie: Vinnie, suo cugino e datore di lavoro, non ha recuperi da affidarle e siccome affitto e bollette non si pagano da sole, la nostra antieroina deve ancora una volta cercare un modo per far quadrare i conti.

Pensate forse che opti per fare la commessa? Nossignori! Stephanie va da Ranger, misterioso ed equivoco collega che l’ha – per così dire – iniziata alla professione di agente di recupero e gli chiede di trovarle qualcosa da fare. Non ci sarebbe niente di particolarmente strano se Ranger non operasse nella zona d’ombra tra la legalità e l’illegalità.

Così inizia la sua carriera parallela e devo dire che non va molto diversamente da quella ufficiale – e come dubitarne? Innanzi tutto, Ranger le si presenta con un’auto aziendale. Una Porche. Mmh… devo davvero specificare che salterà in aria e verrà schiacciata da un camion della nettezza urbana? Per fortuna Ranger non se la prende (probabilmente la conosce abbastanza da essere rassegnato!).

Già, già, Ranger… pare proprio che ci sarà del tenero tra lui e la nostra Stephanie. Devo dire che mi dispiace molto per Morelli. La coppia Ranger-Stephanie non fa ridere quanto la coppia Morelli-Stephanie… quindi, rimango una fan sfegata di Morelli, anche se devo ammettere che Ranger è muy caliente (e che in condizioni normali la mia scelta ricadrebbe su di lui… ma in Stephanie Plum non c’è niente di anche solo lontanamente normale!).

La parte del giallo a questo giro non l’ho capita tanto. Fino a un certo punto ho seguito la raccolta degli indizi, poi mi sono persa nel momento in cui Stephanie mette insieme i pezzi. Le cose sono due. O Stephanie sta diventando davvero brava nel suo mestiere, o ero troppo impegnata a ridere per seguire le sue indagini. Propenderei per la seconda ipotesi.

E adesso devo andare assolutissimamente a leggere il sesto!!! Questo finale mi ha lasciata con l’ansia di sapere chi c’è dietro quella porta!!!

4 stars smaller

Annunci