When Daniel’s invalid landlady asks for his help preventing a possible suicide from the clifftop near their home, he doesn’t want to disappoint her. So he grits his teeth, picks up his camera, and goes out to play the Chinese tourist. He’s done it before: befriended the lonely, lured them away from the danger zone, acted as a safety net. This time, the figure staring out to sea is way out of his league, his complete opposite, the sort of man Daniel’s always admired from afar. Then the attractive Taylor turns the tables and lures Daniel out from behind the safety of his camera, and as Daniel finds himself fighting off an attraction he can’t deny, he realizes he’s in danger of being caught. Will the camera expose truths about himself that he wants to keep hidden?


Si tratta di un racconto molto carino. Alla fine dispiace solo che sia finito e che, data la brevità, non ci sia la possibilità di avere più scene in cui Danni e Taylor interagiscono.

Si parla di suicidio e di prevenzione del suicidio, del quale si occupano la padrona di casa invalida di Danni e Danni stesso. Sarà proprio per evitare un possibile suicidio che Danni avrà la possibilità di incontrare Taylor… solo che questa volta niente andrà come al solito.

I personaggi sono ben delineati e, nonostante le vicende coprano solo poche ore, c’è spazio per alcuni momenti molto intensi conditi con un pizzico di umorismo.
Il fatto poi che Danni sia di origini asiatiche dà al racconto un tocco di originalità in più, mostrando anche come un ragazzo gay incontri difficoltà a farsi accettare da una famiglia tradizionalista di una cultura diversa da quella occidentale.

3 stars smaller

Annunci